Un mascherone in pietra del XVII° / XVIII° secolo?

2_S.PaolinaMascherone_1700

La fontana rurale in cui fu rinvenuto il reperto.

Mascherone_S.Paolina1 001

Corriere dell’Irpinia, pag. 18 del 22 dicembre 2012

 

Santa Paolina – in Irpinia, era una fresca mattinata invernale, quel 12 dicembre del 2012. – andavo in giro per il paese con la mia fidata fotocamera Canon EOS-500-D, erano quasi le ore 13:00 quando fui chiamato dalla signora Elena, che mi condusse a quella vecchia fontana posta nella sua proprietà, verso il margine del torrente Orsi. –

Ecco, la cronaca del ritrovamento la potete leggere sui seguenti quotidiani locali.

[IL CIRIACO| dai comuni | S. PAOLINA| 21 dicembre 2012 ore 17,58]
http://www.ilciriaco.it/daicomuni/news/?news=26508

[IRPINIAOGGI| dai comuni|S. PAOLINA|21 dicembre 2012 ore 19:23]
http://www.irpiniaoggi.it/index.php/notizie-comuni-irpinia/666-santa-paolina/98176-santa-paolina-ritrovato-mascherone-in-pietra-del-settecento.html

[OTTOPAGINE| Provincia (AV)|22 dicembre 2012]
http://avellino.ottopagine.net/2012/12/22/manca-la-quota-rosa-in-giunta-lopposizione-pensa-al-ricorso/

[IL LUOGO DEL RITROVAMENTO].

Nei vari registri parrocchiali a partire dall’anno 1600, il toponimo viene scritto con l’appellativo di “Campofreddo”. Questo stesso toponimo viene così indicato anche nel libro di Monsignor Michele Musto a pag. 135 al punto n. 9.

Il “mascherone” sembra tuttavia raffigurare la testa di un milite, con occhi semi aperti e la fronte prominente sembra un elmo da cavaliere. Gli zigomi ad entrambi i lati sono percorsi da un cordoncino di pietra, e questo cordoncino probabilmente era un sostegno idoneo a sostenere una placchetta metallica, con fontanile; il naso ha subìto un trauma, la bocca fungeva da orifizio per per la fuoruscita d’uno zampillo d’acqua. Così, pur avendo un riconoscimento ufficiale, come oggetto d’interesse storico, il mistero sulla datazione rimane, perché l’aspetto del reperto, sembra rappresentare un personaggio medievale del XIII° secolo. E chiaramente questa scultura non fu realizzata per lo scopo di abbellire una fontana rurale, dalla quale si abbeveravano gli asini e gli animali da cortile. Anzi è lecito pensare che, questo reperto era un componente tipico di quei manufatti che, si realizzano artigianalmente per adornare fontanili da giardino, oppure qualche fontana pubblica posta nelle pertinenze di un palazzo nobile. —

mascherone_S.Paolina_ricostruz2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...